Intervista a Giampietro Vecchiato

Era da tempo mio desiderio ospitare Giampietro Vecchiato nella rubrica PowerTalk! del mio blog. Un altro desiderio è quello di collaborare con lui ad un progetto, ed anche questo presto si avvererà.

Non è facile sintetizzare in poche righe chi sia Giampietro; una ricerca su Internet ci fornisce i dati seguenti, che non sono nemmeno sufficienti a “catturare” metà delle cose in cui eccelle: direttore clienti di P.R. Consulting srl, agenzia di relazioni pubbliche di Padova; vice presidente FERPI, Federazione Relazioni Pubbliche Italiana; consulente di direzione ed esperto di comunicazione per le organizzazioni complesse; relatore in convegni e formatore sia a livello universitario (Università degli Studi di Padova e Udine; Università IULM di Milano) che post universitario; autore di diversi testi e saggi sulle relazioni pubbliche e sulla comunicazione. Ma Giampietro è soprattutto un amico che non mancherà di ispirarvi, se solo leggerete attentamente le sue risposte alle domande di questa intervista.

1. Chi è Giampietro (Piero) Vecchiato e chi è P.R. Consulting?

Piero crede in quello che fa (o fa solo ciò in cui crede).

Piero è una persona docile ma sempre pronta a sostenere le proprie idee se possono essere utili al bene comune.

Piero pensa sempre alle conseguenze che le sue parole e le sue azioni possono avere sugli altri.

Piero pensa che sia “meglio patire un’ingiustizia, piuttosto che commetterla”.

Piero crede nel valore delle relazioni come strumento per la realizzazione di se stessi; come strumento per costruire “ponti” verso e con gli altri; come mezzo per il successo delle organizzazioni; come rimedio contro la solitudine.

 P. R. Consulting è una società che vuole aiutare le persone, le imprese e le organizzazioni a governare con efficacia e trasparenza, autenticità e responsabilità, le proprie relazioni con tutti i pubblici e tutti gli stakeholder (i portatori di interesse). Piero è uno dei tre soci fondatori. Operativamente è Direttore clienti.

 

2. Quali sono i valori su cui si fonda la tua leadership?

 Non ho mai sparlato delle persone dietro le loro spalle.

Non ho mai pensato al tempo… ho sempre pensato sempre ed esclusivamente alla vita.

Non ho mai voluto ricevere senza dare; né dare senza ricevere.

Non mi sono mai chiesto: “Piero, da dove vieni?” ma “Piero, dove vuoi andare?”.

Ho sempre messo le persone nella condizione di esprimere le proprie potenzialità.

Parlo direttamente, senza ambiguità o secondi fini: i SI sono dei SI; i NO sono dei NO.

 

3. Come comunichi alle tue risorse umane la tua strategia aziendale?

Ispirandomi ai seguenti due principi:

a) Dipende da te. Crea il mondo in cui vuoi vivere. Io credo in te!

b) Diventa imprenditore di te stesso e smetti di commiserarti!

 

4. Quali sono state le tappe della tua crescita come leader?

Con modalità del tutto personali (ho messo la prima cravatta a 5 anni), anch’io sono diventato prima ragazzo, poi uomo, poi adulto. La cosa di cui sono più orgoglioso è quella di aver fondato (a 18 anni) una Polisportiva (la Polisportiva Vigonza) che permetteva a oltre 450 persone di fare sport e un Circolo culturale (GAR, Gruppo Animazione e Ricerca) che animava 150 appassionati di fotografia, escursioni, cinema, musica, ecc. L’associazionismo è stato un’indimenticabile e fondamentale – anche se inconsapevole – “palestra” di management e di leadership.

Ho fondato diverse società di capitali (alcune funzionano bene e hanno successo; altre sono state dei fallimenti).

Ho ricoperto diversi incarichi manageriali in società che si occupavano di comunicazione integrata, convegnistica, eventi speciali, relazioni pubbliche, stenotipia elettronica, sponsorizzazioni.

Ho sempre avuto il coraggio di cambiare quando le cose non mi divertivano più, quando le situazioni non mi “parlavano” più. Con dolore e con fatica, ma anche con saggezza e determinazione.

Mi chiedo spesso: rifaresti tutto un’altra volta? Rifaresti gli stessi errori? Si certo: “Sono un fallito riuscito bene!”

 

5. Quale è il libro che ti ha dato gli stimoli o gli strumenti più potenti per essere quello che sei oggi e perché?

La donna giusta, Sàndor Màrai, Gli Adelphi

Perché? Perché mi ha fatto capire che non esistono le “cose giuste”, ma che in ogni cosa, in ogni persona, in ogni situazione, c’è qualcosa di buono e di cattivo, di giusto e di sbagliato, di dolce e di salato, di bene e di male. Mi ha fatto capire che il fallimento e la delusione ci sono necessari quanto la gioia ed il successo.

 

6. Ci dai e ci motivi una “top five” dei segreti del tuo successo sino ad ora?

Non ho mai tradito gli altri per migliorare la mia situazione o per profitto.

La vita è un misto di obblighi (tanti) e di diritti (pochi).

Ho sempre guadagnato il “mio” pane con il sudore della “mia” fronte.

Il lavoro è una vocazione e insieme una preghiera.

Mangerò merda, ma non tutta la merda!

 

7. Un errore professionale che non ripeteresti mai se tornassi a nascere?

Essere conformista: pensare come la pensano tutti; agire come agiscono tutti.

L’ho fatto poche volte nella vita ma era meglio non farlo. Pensare sempre con la propria testa è l’unica arma contro le ideologie, anche quelle economiche.

 

8. Il tuo più grande successo come leader?

Essere superato dai miei allievi (studenti, dipendenti, soci, collaboratori).

 

9. Un tuo consiglio a chi decide di diventare un imprenditore oggi?

Non uno, ma cinque.

Keep memory alive: mantieni viva la memoria. Senza diventarne schiavo.

La paura e l’orgoglio sono cattivi consiglieri.

Non dare la colpa agli altri o alla società dei tuoi insuccessi.

Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te (Sermone della montagna).

Domandati sempre: “Come si chiama la donna delle pulizie?”

 

10. Una domanda che non ti ho fatto, ma che ti fai tu stesso e a cui dai una risposta?

Musica per la quale vale la pena vivere?

Sinfonia n. 5 in mi minore “Dal nuovo mondo”, op. 95, di Antonin Dvorak

 

Grazie Giampietro, o Piero come ti chiamano gli amici, ho appreso molto dalle tue parole, ma la risposta alla domanda numero 8 mi ha dato di più, mi ha emozionato.

6 commenti

  1. Grande Piero … come sempre sei fonte di ispirazione concettuale … Ciao Dario

  2. IERI HO LAVORATO 15 ORE AL COMPUTER,
    HO CERCATO DI AVERE UN PO’ DI COMPAGNIA, SEMPLICEMENTE HO PENSATO A PIERO
    E AD UN PEZZETTO DELLA VITA PASSATA INSIEME.
    IN QUEL PEZZETTO PICCOLO MA IMPORTANTE MI SONO RIVISTO SEDUTO SULL’ERBA VICINO A LUI AL CONCERTO DI ALAN STIVELL NON SO DOVE.
    PIERO OLTRE AL CONCERTO MI HA FATTO CONOSCERE ANCHE DE ANDRE’,LA FOTOGRAFIA (CHE PER MERITO SUO DA 30 ANNI E’IL MIO LAVORO) E IN FONDO MOLTE IDEE CHE MI SONO CARE .
    COSI’ IERI LAVORANDO HO ASCOLTATO 90 (dico 90) CANZONI DI STIVELL,HO LAVORATO BENE.
    GRAZIE PERO.
    LUCIO ZILIO

  3. Grazie Piero, questa intervista e’ come una chiacchierata con te, c’e’ sempre qualcosa da imparare sulla vita e sui rapporti con le persone. Bellissimi i 5 segreti del tuo successo e i consigli a chi vuole diventare un imprenditore, li possiamo utilizzare nella vita quotidiana. Leggero’ il libro di Sandor Marai, da come lo descrivi penso che piacera’ molto anche a me. Un abbraccio. Luisa

  4. Grazie Piero. Credo che averti come relatore di tesi non sarà semplicemente una bellissima esperienza, ma un percorso di crescita personale… Grazie di aver accettato!

    Ci vediamo in autunno

    Francesca Cerno

  5. Fu Theodore Roosevelt a dire: “Gli onori spettano all’uomo che è nell’arena; a colui che è sporco di terra, di sudore e di sangue; a colui che ci prova valorosamente; che erra e non riesce per poco; che conosce i grandi entusiasmi, le grandi dedizioni e si adopera per cause di valore; che se ha successo conosce infine le gioie del traguardo raggiunto. E che anche in caso di fallimento, perlomeno fallisce osando in grande.” Se non sapessi che Roosevelt è nato 150 anni fa, scommetterei che ha pronunciato queste parole proprio perché aveva conosciuto il “nostro” Piero.

    Sergio Zicari

  6. Grande Piero!!! ai fallimenti se vuoi ci dò un’occhiata io!!!!


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...