Il calabrone

“Da oggi boccette e scacchi, signor Zema!”.
Il primario abbronzatissimo del reparto di ortopedia in cui ero stato operato il giorno prima, con una delicatezza pari alla sua simpatia, mi stava comunicando che il mio infortunio al ginocchio era talmente grave da impedirmi qualsiasi attività fisica futura che non fosse una passeggiata o poco più.
Nella mia vita ho sempre messo in discussione tutto e vi invito a fare lo stesso. Non accettate mai una realtà solo perchè altri ve l’hanno appiccicata addosso. Fate domande, mettete in dubbio, ricercate, datevi da fare. Soprattutto non dichiaratevi mai vinti.
Dopo quasi 7 mesi di sofferenza, un’operazione fatta in modo dilettantistico da un chirurgo poco esperto, infezioni, stampelle, dolori insopportabili, cadute e ricadute, dieci giorni fa ho ripreso a correre e ieri ho raggiunto i 5 km. Fra 10 giorni riproverò a tirare i primi dritti e rovesci in campo. Non sarà facile, ma ce la farò.
Il calabrone non ha la struttura alare per volare, ma lui non lo sa e vola lo stesso.
P.S. il primario di ortopedia dovrà trovare qualcuno per giocare a boccette. Gli diamo una mano?

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...